Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Menu

Scamarcio, Trinca, Greenaway e Di Gregorio presenti agli Incontri d'Essai

MANTOVA - 30 SETTEMBRE 2014 - Riccardo Scamarcio, Jasmine Trinca, Paolo e Vittorio Taviani, Peter Greenaway e Gianni Di Gregorio sono alcuni degli artisti che saranno a Mantova agli Incontri del Cinema d’Essai in programma dal 7 al 9 ottobre. Scamarcio e Trinca parteciperanno alla manifestazione promossa dalla Fice, Federazione Italiana Cinema d’Essai, per presentare le prime immagini di Meraviglioso Boccaccio, insieme a Paolo e Vittorio Taviani, registi del film.

I fratelli Taviani saranno inoltre protagonisti, insieme ad altri ospiti, di uno degli Incontri con gli autori, curati dal giornalista Maurizio Di Rienzo, in programma al Ridotto del Teatro Sociale e aperti al pubblico (mercoledì 8 ottobre, ore 18.30). Il regista Peter Greenaway sarà a Mantova all’anteprima, aperta al pubblico e gratuita, del suo film Goltzius and the Pelican Company, in programma mercoledì 8 ottobre alla Multisala Ariston alle 21. Gianni Di Gregorio, regista dei film “Pranzo di Ferragosto” e “Gianni e le donne”, presenterà invece le prime immagini del suo ultimo film Buoni a nulla.

Gli Incontri del Cinema d’Essai, giunti alla quattordicesima edizione, sono il principale appuntamento professionale italiano del cinema di qualità, al quale partecipano i professionisti del settore e dove, con anteprime e trailer, e l’intervento di autori e interpreti, vengono presentati i film dei prossimi mesi. Previste diverse iniziative aperte al pubblico: oltre alle anteprime, anche incontri con registi e attori e proiezioni per le scuole. In programma anche la consegna dei Premi Fice per un anno di cinema d’essai, a cui parteciperanno numerosi artisti, la sera dell’8 ottobre al Teatro del Bibiena, seguita da una festa in onore dei premiati al Museo Archeologico Nazionale. A preinaugurare la manifestazione sarà Romeo and Juliet di Carlo Carlei, girato in parte proprio a Mantova.

Il film verrà proiettato in anteprima per la città di Mantova la sera di lunedì 6 ottobre, alle 21.00, alla Multisala Ariston.

L’anteprima di apertura per gli accreditati, martedì 7 alle 12.00, sarà invece St. Vincent di Theodore Melfi, con Bill Murray e Naomi Watts, film molto apprezzato all’ultimo Festival di Toronto. Spazio anche all’approfondimento con il focus UNA SCOSSA AL MERCATO – L’identità dei cinema d’essai e il pubblico di riferimento che sarà coordinato dal critico cinematografico Franco Montini e che vedrà una relazione introduttiva di Domenico Dinoia, presidente della Fice.

Leggi tutto...

Incontri del Cinema d'Essai: nuove anteprime in programma

MANTOVA - 23 SETTEMBRE 2014 - Due giorni, una notte di Jean-Pierre e Luc Dardenne, con Marion Cotillard e Fabrizio Rongione, Boyhood di Richard Linklater, con Patricia Arquette e Ethan Hawke, She’s Funny That Way (foto) di Peter Bogdanovich con Owen Wilson e Jennifer Aniston, I toni dell’amore – Love is strange di Ira Sachs con Alfred Molina, John Lithgow e Marisa Tomei, Jimmy’s Hall di Ken Loach con Barry Ward e Simone Kirby sono alcune della anteprime che verranno presentate agli Incontri del Cinema d’Essai a Mantova dal 7 al 9 ottobre. Questi titoli vanno ad aggiungersi a quelli già in programma e altri verranno annunciati nei prossimi giorni.

A preinaugurare la manifestazione promossa dalla Fice, Federazione italiana cinema d’essai, sarà Romeo and Juliet di Carlo Carlei, girato in parte proprio a Mantova. Il film verrà proiettato in anteprima per la città di Mantova la sera di lunedì 6 ottobre, alle 21.00, alla Multisala Ariston. Tra le altre anteprime in programma: Pride di Matthew Warchus, film di chiusura della Quinzaine des Réalisateurs a Cannes, festival dal cui concorso provengono anche Sils Maria di Olivier Assayas con Juliette Binoche e Pedro Almodovar presenta: storie pazzesche di Damian Szifron. Presentato all’ultimo Festival di Berlino Diplomacy di Volker Schlöndorff, con André Dussollier e Niels Arestrup. Dalla Spagna il trionfatore degli ultimi Premi Goya, La vita è facile ad occhi chiusi di David Trueba. Diverse anteprime in programma provengono dall’ultima Mostra del Cinema di Venezia grazie alla collaborazione tra la Fice e la Biennale: tra questi, oltre al già citato She’s Funny That Way, anche l’esordio iraniano Melbourne di Nima Javidi, film di apertura della Settimana Internazionale della Critica.

Non mancheranno i documentari, come Life itself di Steve James che sarà presentato da Piera Detassis e Paolo Mereghetti, in collaborazione con la rivista Ciak. Con la testimonianza di grandi registi, il documentario ripercorre la vita e la carriera del critico Roger Ebert. Agli Incontri verranno inoltre presentate le prime immagini di Maraviglioso Boccaccio di Paolo e Vittorio Taviani, alla presenza dei registi e di alcuni degli interpreti. Prime sequenze anche per il nuovo film di Gianni Di Gregorio, Buoni a nulla, alla presenza del regista. A Mantova ci sarà anche Peter Greenaway che presenterà al pubblico il suo film Goltzius and the Pelican Company; mentre, direttamente dal Festival di Locarno, sarà possibile vedere alcune immagini di La Sapienza di Eugène Green. Gli Incontri del Cinema d’Essai, giunti alla quattordicesima edizione, sono il principale appuntamento professionale italiano del cinema di qualità, al quale partecipano i professionisti del settore e dove, con anteprime e trailer, e l’intervento di autori e interpreti, vengono presentati i film dei prossimi mesi. Previste diverse iniziative aperte al pubblico: oltre alle anteprime, anche incontri con registi e attori e proiezioni per le scuole. In programma anche la consegna dei Premi Fice per un anno di cinema d’essai la sera dell’8 ottobre al Teatro del Bibiena. 

Leggi tutto...

Esercenti Cinema: appello Anec al Ministro Franceschini

ROMA - 29 SETTEMBRE 2014 - Un appello a considerare le difficoltà del settore e a prevedere interventi urgenti, essenziali per la sopravvivenza e il rilancio di centinaia di sale cinematografiche, è stato rivolto da Lionello Cerri, presidente dell’Anec, associazione nazionale esercenti cinema, al ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Dario Franceschini. Tra le proposte più urgenti, contenute in una lettera inviata al Ministro, la destinazione di una quota del tax credit cinematografico all’apertura di nuove sale, la ristrutturazione e la trasformazione di quelle esistenti, il rinnovo degli impianti e degli arredi; il recupero dei crediti pregressi delle sale, nei confronti dello Stato, che ammontano a circa 15 milioni di euro e che, ad oggi, non sono ancora stati liquidati; il ripristino della piena fruibilità dei crediti d’imposta per la programmazione di film italiani, europei e d’essai, ridotti del 15% dalla Legge di stabilità 2014.

In particolare, per quanto riguarda la prima proposta, Cerri nella lettera precisa che si tratta di una misura che non avrebbe oneri a carico dello Stato perché la sua copertura rientrerebbe nel fondo per il tax credit cinematografico di 110 milioni, elevato a 115 milioni dal prossimo anno. Attualmente quel fondo prevede per l’esercizio interventi soltanto per la digitalizzazione, in larga parte ormai completata. Peraltro l’Anec chiede che questo ampliamento del tax credit all’esercizio vada a sostituire le misure di sostegno attualmente previste per il comparto, ossia i contributi in conto capitale e conto esercizio, ormai prive di copertura finanziaria, come confermato dal credito di 15 milioni accumulato negli anni. Nella lettera, pur manifestando apprezzamento per l’introduzione, nel Decreto Legge “Art Bonus”, di un incentivo fiscale a favore delle cosiddette “sale storiche” che dimostra un interessamento fattivo nei confronti dell’esercizio, Cerri chiede al Ministro che tale interesse sia confermato verso una categoria che svolge un ruolo fondamentale in termini culturali, sociali ed economici, a fronte di un intervento pubblico esiguo, e la cui capacità di investimento è ormai estremamente fievole. “Da più parti, in convegni di settore e sulla stampa – si legge nella lettera - si invoca l’apertura di nuove sale e il miglioramento di quelle esistenti. Una facile invocazione, ma più arduo è investire quando la redditività è ai minimi, l’imposizione fiscale sugli immobili elevatissima, la contingenza economica deprimente e, in più, il mercato continua a palesare segni di scarso raziocinio, con i mesi estivi rimasti senza offerta adeguata e un’eccessiva concentrazione autunnale. Si aggiunga che la vita media degli impianti digitali è notevolmente più ridotta di quelli in pellicola, con necessità di sostituzione degli impianti obsoleti non contemplate dalle misure vigenti sul tax credit”.

Una situazione, ha aggiunto Cerri, dalla quale si può uscire soltanto con provvedimenti urgenti, in particolare rinnovando ed ampliando gli interventi a valere sul tax credit, con un’incidenza annua che non supererebbe nelle stime dell’Anec i 15 milioni di Euro. 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

L'accesso a queste risorse è riservato agli Associati AGIS e alle associazioni a questa afferenti. Nel caso foste associati a una delle associazioni