Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Menu

A PERUGIA PRESENTATA L'INDAGINE "PIU' CULTURA, PIU' CRESCITA"

PERROTTARoma, 19 luglio 2019 - “Più cultura, più crescita”, il convegno organizzato da Confcommercio e Impresa Cultura Italia-Confcommercio, in collaborazione con Umbria Jazz, si è tenuto a Perugia il 18 luglio nella Sala Brugnoli di Palazzo Cesaroni.

Ospiti del presidente di Confcommercio Carlo Sangalli e del presidente di Confcommercio-Umbria Giorgio Mencaroni, hanno dibattuto sull’argomento il presidente di Agis e di Impresa Cultura Italia-Confcommercio Carlo Fontana, il presidente della Fondazione Umbria Jazz Renzo Arbore, il presidente della Federazione del Jazz Italiano Paolo Fresu, il presidente di Italiafestival Francesco Maria Perrotta, il sovrintendente del Macerata Opera Festival Luciano Messi, l’assessore alla cultura della Regione Umbria Fernanda Cecchini, l’assessore allo sviluppo economico del Comune di Perugia Michele Fioroni. Mario Abis, professore all’Università IULM e Partner Rsm-Makno e Luca Ferrucci, professore all’Università degli Studi di Perugia, hanno presentato l’indagine sugli investimenti delle imprese in cultura e sull’impatto economico degli eventi culturali e creativi per i territori.

I principali risultati che emergono dall'indagine "Investire in cultura" realizzata da Rsm-Makno per Impresa Cultura Italia-Confcommercio, chiariscono che cresce l'interesse e l'investimento in cultura da parte degli imprenditori: per oltre il 70% il sostegno a progetti ed eventi culturali è strategico; il contributo economico è la principale forma di supporto alla cultura scelto dalle imprese (per il 47%), ma rilevante è anche la fornitura di servizi (21%); il ritorno di immagine (19%), la consuetudine (17%), la strategia di marketing (13%) sono le motivazioni principali all'investimento. I maggiori benefici si riflettono sulla reputazione aziendale (33%), sul brand (29%) e in chiave commerciale (27%); oltre un terzo delle imprese equipara gli investimenti in cultura alla pubblicità.

“Si chiama festival una realtà che produce spettacoli che soltanto lì, in quel contesto, si possono vedere e ascoltare”

La musica, l’arte e lo spettacolo contribuiscono al rafforzamento dell’economia reale creando valore per le imprese e i territori, il mondo dei festival è quindi coinvolto direttamente nel rilancio dell’economia locale attraverso la cultura. Francesco Maria Perrotta, Presidente di Italiafestival, è intervenuto analizzando sinteticamente i binari sui quali l’associazione dei festival italiani, affiancata dall’Agis, sta procedendo: “l'epoca dell'esclusività è finita, dobbiamo metterci a tavolino e fare sistema, la sfida dobbiamo lanciarla noi, il mondo degli operatori culturali e delle imprese culturali. Per questa ragione – ha dichiarato Perrotta – il neo sodalizio con Confcommercio denota la lungimiranza del presidente Sangalli che ha sposato la causa dell’Agis e quindi quella della nuova tipologia di attività che il presidente Fontana e la sua squadra hanno messo in campo verso l'impresa culturale. L'esperienza che abbiamo acquisito in questi anni, con oltre 29 festival e ben 5 reti di festival che oggi aggregano la nostra associazione è fondamentale, il tema delle reti, il tema dei distretti culturali e il tema delle filiere che in passato era diventato il lessico quotidiano dei nostri amministratori, oggi è sparito. Ringrazio il presidente Fontana perchè oggi parlo anche come nuovo soggetto che rappresenterà l’Agis in Umbria, lavorerò sul tema Impresa Cultura Italia, è una sfida che prendo molto volentieri, non sarà semplice, mi rendo conto che in un periodo pre-elettorale saranno diverse le riflessioni che altri faranno ma non fa niente. E’ evidente che noi dobbiamo creare dei meccanismi virtuosi nelle Regioni, e questa Regione deve creare un nuovo percorso di virtuosismo.

E' evidente – conclude Perrotta - che in un’operazione di questo tipo, quando il Presidente Fontana dichiara che dobbiamo investire sul management degli operatori culturali, mi lego a quello che ha detto Giorgio Mencaroni nel suo intervento, e riprendo l'intervento del Maestro Muti che qualche giorno addietro al Festival di Ravenna, rivolgendosi alla presenza della presidenza del Senato: “sarà ora che la nostra classe politica faccia formazione e si acculturi”.

Leggi tutto...

DANZA: VALENTINA MARINI PRESIDENTE DELL'A.I.D.A.P.

Roma, 3 luglio 2019 - L’A.I.D.A.P. - Associazione Italiana Danza Attività di Produzione, che in seno all’AGIS - Associazione Generale Italiana dello Spettacolo, ha come obiettivi quello dell’affermazione, della valorizzazione e del potenziamento dell’attività di produzione della danza in ogni sua espressione, ha rinnovato ieri le cariche sociali per il triennio 2019-2022.

Leggi tutto...

PIU' CULTURA, PIU' CRESCITA

ImmagineRoma, 1 luglio 2019 - Il prossimo 18 luglio, durante il Festival di Umbria Jazz, si terrà il Convegno Promosso da Confcommercio e da Impresa Cultura Italia in cui verrà presentata una nuova ricerca condotta dalla Società MAKNO-RSM sugli investimenti privati in cultura e sull'indotto prodotto dagli eventi culturali

Leggi tutto...

MUSICA: ANFOLS PLAUDE AL DECRETO DELLA LIRICA

anfols logoRoma, 27 giuigno 2019 - “Soddisfazione per una misura che regola e rilancia il settore della lirica”. E’ quando dichiara Cristiano Chiarot, Presidente dell’ANFOLS - Associazione Nazionale Fondazioni Lirico Sinfoniche, in merito al via libera di ieri, in sede di Consiglio dei Ministri, al decreto che affronta la questione del personale delle fondazioni lirico-sinfoniche.

Leggi tutto...

ADDIO A ZEFFIRELLI: IL RICORDO DI FONTANA (AGIS)

zeffirelliRoma, 15 giugno 2019  “La scomparsa di Franco Zeffirelli rappresenta per la cultura italiana una dolorosa perdita”. Così, Carlo Fontana, Presidente AGISAssociazione Generale Italiana dello Spettacolo, ricorda il grande regista, scomparso stamane a Roma all’età di 96 anni.

Leggi tutto...

SPETTACOLO: FILIPPO FONSATTI CONFERMATO PRESIDENTE FEDERVIVO

ROMA - 5 GIUGNO 2019 - Filippo Fonsatti, direttore del Teatro Stabile di Torino, è stato confermato all’unanimità, ieri a Roma, alla guida di FEDERVIVO - Federazione dello Spettacolo dal Vivo, che in seno all’AGIS – Associazione Generali Italiana dello Spettacolo, rappresenta in modo unitario il sistema dello spettacolo dal vivo.

Leggi tutto...

SPETTACOLO: CARLO FONTANA CONFERMATO ALLA PRESIDENZA DELL’AGIS

ROMA - 5 GIUGNO 2019 - Carlo Fontana è stato confermato alla presidenza dell’AGIS - Associazione Generale Italiana dello Spettacolo, per il periodo 2019-2022. Per Carlo Fontana, eletto all’unanimità dall’Assemblea Generale dell’Agis, riunitasi oggi a Roma, si tratta del terzo mandato consecutivo alla guida dell’Associazione, che presiede dal 2013.

Leggi tutto...

“PUNITE I SITI DI SECONDARY TICKETING”

LOGO assomusicaRoma, 3 maggio 2019 -  Assomusica, l'associazione degli organizzatori e produttori di spettacoli di musica dal vivo, ha presentato un esposto denuncia all'autorità per le garanzie nelle comunicazioni (AGCOM) e all’Antitrust (AGCM) per chiedere di sanzionare i siti di secondary ticketing.

Leggi tutto...

ITALIA QUARTA IN UE PER FONDI AI PROGETTI CULTURALI, FRANCIA PRIMA

assomusicaRoma, 15 marzo 2019 - Con 180 progetti coordinati e 41,2 milioni di euro l’Italia è soltanto quarta tra i Paesi dell’Unione che hanno attinto a Europa Creativa 2014-2020, il programma di finanziamenti UE per i settori creativo e culturale, che ha visto primeggiare la Francia per numero di progetti coordinati e fondi ottenuti. Il dato è emerso oggi a Roma nel corso di un convegno sul tema organizzato da Assomusica (Associazione Italiana degli Organizzatori e Produttori di Spettacoli di Musica dal Vivo), ELMA (European Live Music Association) e Impresa Cultura Italia - Confcommercio.

L’iniziativa prende spunto dalla recente approvazione all’unanimità da parte della Commissione Cultura del Parlamento Europeo del nuovo Programma Europa Creativa 2021-2027, che ha raddoppiato da 1,4 miliardi (2014-2020) a 2,8 miliardi i fondi a sostegno dei progetti culturali, riconoscendo anche misure e bandi specifici per la musica dal vivo e i concerti. Al convegno hanno partecipato anche diversi europarlamentari e funzionari Ue a cominciare dalla relatrice del programma in Commissione CULT, l’onorevole Silvia Costa.

“La Commissione Cultura del Parlamento Europeo – ha detto Vincenzo Spera, presidente di Assomusica - si è espressa sul programma approvando in maniera bipartisan emendamenti innovativi volti a potenziare gli strumenti e i piani di finanziamento a sostegno degli spettacoli di musica live. L'occasione è quindi opportuna per discutere - tutti insieme - di questo provvedimento e su cosa fare per migliorare la programmazione e gli investimenti in questo settore che è un volano di crescita e sviluppo per i territori e il made in Italy della cultura”.

Dei 2500 progetti di Europa Creativa approvati dal 2014 al 2018 la Francia se ne è accaparrati il 15,4% e soprattutto ha portato a casa oltre 97,2 milioni di euro, quasi il 20% del totale finanziato che fino ad oggi ha superato i 492 milioni di euro. La Germania è saldamente al secondo posto per numero di progetti coordinati (261) e fondi ottenuti (56,2 milioni di euro), il Regno Unito è terzo (189 progetti) con quasi 50 milioni di euro raccolti (49,7 milioni di euro). L’Italia è solo quarta (180 progetti), ma se guardiamo ai finanziamenti ottenuti scende al quinto posto, superata dal Belgio (47,6 milioni), fermandosi a 41,2 milioni di euro.

La cultura è una componente fondamentale e autonoma, trasversale ma non accessoria, del terziario di mercato e dell’economia del Paese. – afferma Carlo Sangalli, presidente di Confcommercio – “Per questo bisogna lavorare insieme, anche tramite il programma Europa Creativa per il periodo 2021-2027 che vuole promuovere la cooperazione europea in materia di diversità culturale rafforzando la competitività dei settori culturali e creativi”.

Grazie al lavoro di Assomusica ed Elma la Commissione CULT del Parlamento UE ha riconosciuto che “la musica, in tutte le sue forme ed espressioni, specialmente la musica contemporanea e la musica dal vivo, è una componente essenziale del patrimonio artistico, culturale ed economico dell’Unione Europea. E’ un elemento di coesione sociale, integrazione multiculturale, socializzazione tra i giovani e serve come strumento chiave per migliorare l’offerta culturale, incluso il turismo culturale. Questo settore – scrive la Commissione - è stato sotto-rappresentato nel precedente programma Europa Creativa e come parte di azioni specifiche nella sezione CULTURA, il settore musica dovrà essere un focus in termini di ripartizione finanziaria e azioni mirate. Bandi “su misura” e strumenti specifici dovranno aiutare a migliorare la competitività del settore musicale e sostenere le sfide che lo attendono”.

Il nuovo programma Europa Creativa sarà ora parte dei negoziati per il prossimo Quadro Finanziario Pluriennale dell’Unione Europea nel corso del 2019.

Il programma Europa Creativa

L’obiettivo è salvaguardare, sviluppare e promuovere la diversità e il patrimonio culturale europeo e migliorare la competitività dell’industria culturale europea per una crescita inclusiva e sostenibile. Adesso riunisce i precedenti programmi Cultura e MEDIA, diventati ora i sotto-programmi, che finanziano rispettivamente i progetti culturale e progetti dedicati al cinema e al settore audiovisivo. Dopo il successo del programma 2014-2020, la Commissione ha deciso appunto di rafforzare la dotazione e ha proposto il nuovo programma mantenendo nella programmazione futura dei finanziamenti l’originale struttura divisa in 3 sezioni (Cultura, media, cross settoriale).

Nell’ambito culturale rientrano la circolazione delle opere e degli artisti, la partecipazione alla vita culturale, l’inclusione sociale, la crescita, diffondere i valori europei attraverso l’educazione artistica, la consapevolezza culturale e la creatività, l’internazionalizzazione del settore e la diplomazia culturale.

Il comparto Media riguarda progetti per lo sviluppo di talento, capacità, innovazione e cooperazione nel settore audiovisivo, modelli di business e nuove tecnologie, accesso transfrontaliero ad opere audiovisive, teatrali e distribuzione online, promozione delle opere europee nel territorio dell’Unione. Ci sono poi i progetti cross-settoriali dedicati a un approccio combinato a media e cultura (arte, tecnologia, business), qualità del giornalismo, pluralismo mediatico, alfabetizzazione mediatica, inclusione sociale tramite la cultura, informazione sul programma tramite la rete di sportelli in ogni paese.

Per maggiori informazioni e per la partecipazione ai bandi:

https://ec.europa.eu/programmes/creative-europe/node_it

Per ulteriori informazioni

Sec Spa – via F. Aporti, 8 – 20125 Milano - t. 02 624999.1

Angelo Vitale – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. – 338 6907474

Elena Castellini – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. – 335 6271787

Daniele Mignardi Promopressagency

via Giovanni Nicotera, 29 - Roma

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Tel. 06.32651758

Rif. Desirée Corradetti - 3405324723

Leggi tutto...

"LIBRO: CHE SPETTACOLO!": PARTE LA XII EDIZIONE

lodolimarcoRoma, 15 febbraio 2019 - “C’è chi porta i libri a teatro, accompagnati dai loro autori, e chi, invece, li porta al macero”. Con questo messaggio, che richiama l’attenzione alla distruzione di 6000 libri del lascito di Antonio Cibotto, uno dei più grandi letterati del XX secolo, parte la XII edizione di “Libro: che Spettacolo!” dell’AGIS, da un’idea di Pier Paolo Pascali, che ne è il curatore, dal 2008 presente nel panorama culturale contemporaneo per promuovere la lettura insieme allo spettacolo dal vivo.

Leggi tutto...

Iniziativa "Art bonus per lo spettacolo"

Roma. 5 febbraio 2019 - Si allega l’invito all’iniziativa “Art bonus per lo spettacolo: tra bilanci e prospettive”, promossa da Agis, Anci ed Impresa Cultura Italia-Confcommercio, che si terrà il prossimo 20 febbraio alle ore 14:00 presso la Sala Conferenze della sede Anci, sita in Roma, Via dei Prefetti, 46.

Leggi tutto...

AGIS: NO ALLA REGIONALIZZAZIONE DEL FUS

agis4Roma, 15 gennaio 2019 - Assoluta contrarietà all’ipotesi di regionalizzare il Fondo Unico per lo spettacolo è stata espressa ieri, nel corso della Consulta per lo spettacolo, da parte di AGIS - Associazione generale italiana dello Spettacolo – e FEDERVIVO – Federazione dello spettacolo dal vivo, rappresentative della quasi totalità delle imprese professionali del settore.

Leggi tutto...

LIRICA: SENTENZA CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA, ANFOLS E SINDACATI CHIEDONO INCONTRO URGENTE AL GOVERNO

agis4Roma, 29 novembre 2018 - A seguito della sentenza della Corte di Giustizia Europea che, combinata con il Decreto Dignità, sta creando gravissimi problemi per l’assunzione a termine dei lavoratori, si sono riuniti oggi a Roma, presso la Presidenza AGIS, il Presidente e il Vicepresidente ANFOLS - Associazione Nazionale Fondazioni Lirico Sinfoniche, Cristiano Chiarot e Francesco Giambrone, insieme ai rappresentati sindacali Emanuela Bizi (CGIL), Luigi Pezzini (CISL), Giovanni Di Cola (UIL), Enrico Sciarra (FIALS).

Leggi tutto...

PRESENTAZIONE RICERCA AGIS/IULM, A ROMA IL 14 NOVEMBRE PRESSO LA CAMERA COMMERCIO ROMA

ROMA - 7 NOVEMBRE 2018 - Si terrà a Roma, il 14 novembre alle ore 10.00 presso la SALA DEL CONSIGLIO della CAMERA DI COMMERCIO DI ROMA Via de' Burrò, 147 (2° piano), la presentazione della ricerca AGIS/IULM SPAZI CULTURALI ED EVENTI DI SPETTACOLO: UN IMPORTANTE IMPATTO SULL’ECONOMIA DEL TERRITORIO.  Introdurrà il Ministro dei Beni e delle Attività Culturali Alberto Bonisoli. 

Leggi tutto...

NASCE IMPRESA CULTURA ITALIA-CONFCOMMERCIO

Roma, 1 agosto 2018 - Impresa Cultura Italia-Confcommercio è il nuovo organismo di coordinamento delle imprese culturali e creative, promosso da Confcommercio e Agis nel quadro della recente affiliazione dell’Associazione Generale Italiana dello Spettacolo alla Confederazione.

Leggi tutto...

SPETTACOLO: BONISOLI “IMPEGNO CONCRETO PER IL FUS”

Roma - 12 luglio 2018 - “Come già anticipato nel recente incontro con l’AGIS, una delle priorità del mio mandato sarà quella di impegnarmi concretamente per un reperimento di risorse ad integrazione del FUS per il 2018”. Lo ha dichiarato ieri, nel corso dell’Assemblea Generale dell’AGIS – Associazione Generale Italiana dello Spettacolo, Alberto Bonisoli, Ministro dei Beni e delle Attività Culturali.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

L'accesso a queste risorse è riservato agli Associati AGIS e alle associazioni a questa afferenti. Nel caso foste associati a una delle associazioni