Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Menu

PUBBLICO E PRIVATO NEL SETTORE DELLO SPETTACOLO DAL VIVO: NORME, PROCEDURE E REGOLE

Roma, 26 maggio 2017  - SAVE THE DATE - I° Seminario di studi - 21 giugno 2017 - Ore 10.00  - Via di Villa Patrizi n. 10, Roma. 

Lo spettacolo dal vivo rappresenta un settore nella quale risulta particolarmente difficile stabilire la linea di confine tra soggetti di natura pubblica e privata o mista, anche perché, proprio in questo ambito, si riscontrano forme di gestione (fondazioni, associazioni, aziende speciali e consortili etc.) che differiscono, non solo dagli schemi tradizionali adottati nelle pubbliche amministrazioni, ma anche dal modello delle “società partecipate” destinatario della maggior parte delle più recenti discipline di natura pubblicistica (come nel caso del recente TU in materia di società pubbliche). Molti soggetti operanti nel settore dello spettacolo che svolgono funzioni/servizi pubblici sono, infatti, considerati, ai fini dell’applicazione delle norme in materia di anticorruzione e trasparenza, come “enti partecipati o in controllo pubblico”. Nel settore degli appalti, altresì, la normativa equipara detti soggetti misti ad “organismi di diritto pubblico” o “soggetti in house”, e quindi al pari di stazioni appaltanti. Anche in tema di selezione del personale la giurisprudenza non è ancora univoca rispetto al regime giuridico attualmente applicabile. Per quanto concerne, infine, enti e fondazioni che gestiscono servizi dello spettacolo inseriti nell’Allegato ISTAT, di cui alla legge n. 196 del 2009 s.m.i. essi continuano a subire, in modo discriminatorio, l’applicazione di della normativa in materia di spending review dettata per le pubbliche amministrazioni in senso tradizionale. Il rischio principale - pur nella consapevolezza che laddove vengano investite risorse pubbliche è necessario applicare un regime di Accountability - è che l’applicazione di tali normative, pensate per e destinate ad una “pubblica amministrazione”, determini progressivamente il logorarsi della loro forma e sostanza peculiare, con conseguente “cattura” del privato in quei cavilli burocratici tipici del settore pubblico. Proprio per questi motivi, AGIS NAZIONALE intende approfondire le tematiche qui sopra brevemente accennate e procedere ad una riflessione condivisa con i propri associati sulle principali criticità sino ad oggi emerse in materia, attraverso l’avvio di una serie di Seminari di studi su “Pubblico e privato nel settore dello spettacolo dal vivo: norme, procedure e regole”. A questo proposito, Vi invita a partecipare al 1° Seminario di studi che si terrà in data 21 giugno 2017 presso la sede dell’Agis in via di Villa Patrizi, n. 10, Roma, dalle ore 10.00 alle ore 16.00 durante il quale, dopo i saluti istituzionali del Presidente Agis Carlo Fontana e il Presidente Federvivo Filippo Fonsatti, l’avv. Manuela Veronelli, esperta di normativa in materia di servizi culturali e dello spettacolo dal vivo, avrà occasione di discutere con Voi delle seguenti tematiche: I soggetti pubblico/privato nel settore dello spettacolo. Fondazioni, associazioni, aziende speciali etc. e la normativa in materia di appalti pubblici, anticorruzione e trasparenza: ambiti di applicazione soggettivi Seguiranno poi seminari specifici su singole tematiche, anche in considerazione delle specifiche criticità emerse nel I° Seminario di studi del 21 giugno 2017. L’accesso al I° Seminario di studi Agis è gratuito e sarà consentito unicamente previo accredito via mail al seguente indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Ultima modifica ilVenerdì, 26 Maggio 2017 12:47
Torna in alto

L'accesso a queste risorse è riservato agli Associati AGIS e alle associazioni a questa afferenti. Nel caso foste associati a una delle associazioni