Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Menu

L'APPELLO - URGE UNA LEGGE SULLO SPETTACOLO DAL VIVO

SperaRoma, 7 marzo 2017 (Il Tempo) - «Noi operatori del settore dello spettacolo dal vivo, della produzione musicale, autori ed editori, artisti, interpreti ed esecutori, chiediamo al mondo della Politica e delle Istituzioni una riforma di sistema e per rimettere lo spettacolo dal vivo e la musica al centro del dibattito sulle politiche culturali del Paese.

Da oltre vent'anni tutti attendono una legge di sistema capace di dare realmente centralità a chi ha fatto dell'arte uno strumento per creare sviluppo economico, innovazione e diffusione della cultura. Tutto ciò è sempre avvenuto con notevole impegno e sforzo, spesso con risorse sempre più esiguee, per alcuni settori, senza alcun sostegno economico, fermi nella convinzione che il lavoro portato avanti servisse alla crescita del Paese. Le Associazioni che sottoscrivono l'appello chiedono con forza al Governo e al Parlamento di portare a termine il disegno di legge recante «Deleghe al Governo per il Codice dello spettacolo», attualmente in discussione al Senato, entro il termine della Legislatura». Con forza e determinazione, Assomusica lancia l'appello per un codice dello spettacolo dal vivo, che ha subito trovato il sostegno delle altre più rilevanti realtà di categoria. Scopo dell'appello è riconoscere la centralità della musica e dello spettacolo dal vivo e darle rilievo come componente fondamentale del patrimonio culturale, artistico, sociale ed economico del Paese. Contempla, in sintesi, molte delle tematiche care alla musica e allo spettacolo dal vivo in Italia: l'esigenza del rinnovo del tax credit per i talenti e una maggiore presenza dei giovani nella programmazione radiotelevisiva; le risorse per incentivare le attività musicali; la necessità di favorire il connubio tra industria musicale, spettacoli dal vivo e nuove tecnologie; l'importanza di capire come la musica può contrastare il fenomeno dell'emarginazione sociale; alleggerire la pressione fiscale che grava sui luoghi di spettacolo dal vivo per rendere più equa e sostenibile la tassazione di sale teatrali e musicali. L'Italia ha un patrimonio ed una tradizione nel settore della musica assolutamente straordinaria.

Torna in alto

L'accesso a queste risorse è riservato agli Associati AGIS e alle associazioni a questa afferenti. Nel caso foste associati a una delle associazioni