Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Menu

GAGLIARDI ELETTO PRESIDENTE ATIT

ROMA - 30 novembre 2016 - Gianfranco Gagliardi, avvocato e amministratore unico della S.p.A. che gestisce il teatro Comunale Mario Del Monaco di Treviso, è il nuovo Presidente dell’Associazione dei teatri di tradizione (ATIT).

E’ stato eletto lo scorso 29 novembre a Roma con un’ampia maggioranza da un’assemblea molto partecipata che è stata aperta dal saluto del Presidente dell’AGIS, Carlo Fontana, che ha sottolineato il momento politico favorevole ad una riforma legislativa organica dello spettacolo ed ha invitato la categoria ad una rappresentanza unitaria e coesa, anche al fine di rafforzare l’azione della Federazione dello spettacolo dal vivo.

Con Gagliardi, fanno parte del rinnovato Consiglio di Presidenza i neo eletti Valeria Told, della fondazione Haydn di Bolzano e Trento e Roberta Ziosi, del teatro comunale Claudio Abbado di Ferrara, mentre sono stati confermati William Graziosi (teatro G.B. Pergolesi di Jesi), Andrea Pardini (teatro Carlo Goldoni di Livorno), Giovanni Vegeto (teatro Sociale di Como), e, alla Vice Presidenza, Andrea Paganelli (teatro Verdi di Pisa).

I ventinove teatri di tradizione, che si distinguono per modelli gestionali snelli ed efficienti, hanno sviluppato nel tempo il ruolo di moderni centri di produzione culturale a carattere multidisciplinare di opere liriche, concerti, prosa e danza, anche se resta centrale l’attività lirica su cui si concentra l’intervento economico dello Stato. Tra le priorità programmatiche annunciate dal Presidente Gagliardi, c’è l’esigenza di dare una veste legislativa ai teatri di tradizione più conforme all’attuale configurazione rispetto all’assetto, ormai superato, previsto dalla legge sulla musica del 1967 e l’impegno a colmare un vuoto di comunicazione con iniziative volte a valorizzare l’immagine del settore. Un’attenzione particolare verrà rivolta, infine, alla formazione dei giovani artisti e all’aggiornamento professionale delle eccellenti maestranze che operano all’interno dei teatri di tradizione.

Ultima modifica ilMercoledì, 30 Novembre 2016 14:23
Torna in alto

L'accesso a queste risorse è riservato agli Associati AGIS e alle associazioni a questa afferenti. Nel caso foste associati a una delle associazioni