Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Menu

Il messaggio del Ministro Franceschini in occasione del XII Rapporto Annuale Federculture

ROMA - 19 ottobre 2016 - Ecco il messaggio che il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini ha rilasciato a margine della Presentazione del XII Rapporto Annuale "Impresa Cultura. Creatività, partecipazione, competitività" di Federculture, in collaborazione con AGIS

: "La ripresa dei consumi culturali è ormai un dato stabile e consolidato. Se il 2015 ha segnato il record assoluto di 43 milioni di visitatori nei musei statali, il 2016 si appresta a chiudere con un nuovo primato: nel primo semestre i visitatori sono aumentati del 4% e gli introiti del 10%". In Italia - dice Franceschini, assente per sopraggiunti impegni istituzionali - grazie alle nuove politiche di valorizzazione e alla creazione di un sistema museale nazionale, gli italiani sono tornati a vivere i propri musei avvicinandosi al patrimonio culturale con attenzione e curiosità. Per questo è doveroso continuare ad impegnarsi per fare del patrimonio uno strumento di crescita civile, economica e democratica e di integrazione sociale. La legge di bilancio 2017 prosegue il percorso intrapreso, confermando il bonus cultura di 500 euro per i diciottenni, estendendo i bonus ristrutturazioni ad hotel e strutture ricettive, permettendo ai musei statali di avvalersi di esperti per rafforzare valorizzazione e fruizione, varando un piano strategico da 50 milioni per potenziare le attività degli istituti italiani di cultura all'estero. Sono previste poi anche nuove e indispensabili assunzioni di professionisti dei Beni culturali e di amministrativi nei ruoli dello Stato. Tutto - conclude - nella piena convinzione che la cultura sia uno dei cardini dell'economia del Paese, come dimostra oggi il rapporto di Federculture".(ANSA)

Torna in alto

L'accesso a queste risorse è riservato agli Associati AGIS e alle associazioni a questa afferenti. Nel caso foste associati a una delle associazioni