Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Menu

Anem, apprezzamento per approvazione Legge Cinema

ROMA - 11 OTTOBRE 2016 - L'Associazione Nazionale Esercenti Multiplex esprime il più vivo apprezzamento per l'approvazione in prima lettura della Disciplina del cinema, dell'audiovisivo e dello spettacolo e deleghe al Governo per la riforma normativa in materia di attività culturali (collegato alla manovra finanziaria) da parte del Senato della Repubblica.

Il Disegno di Legge si configura, dopo tanti anni, come un progetto che restituisce centralità al cinema italiano e riconosce un ruolo primario alla sala cinematografica. Infatti, il Disegno di Legge stanzia 400 milioni di euro annui per il "cinema" e prevede anche un Piano straordinario per l'esercizio cinematografico con 120 milioni di euro in 5 anni per l'ammodernamento, la ristrutturazione e la costruzione di nuove sale. Si pongono così le basi per il rilancio del settore. Del resto, come l'azione di Governo dimostra, il cinema e la sala cinematografica sono riconosciuti quali importanti luoghi di aggregazione per favorire la socializzazione soprattutto dei più giovani. Il Presidente dell'ANEM, Carlo Bernaschi, ha dichiarato che "un Disegno di Legge così organico ricolloca il cinema italiano nel posto che merita dopo un triste disinteressamento. Ho potuto apprezzare il lavoro della relatrice Di Giorgi, dei Senatori del PD ed anche di alcuni Senatori dell'opposizione che hanno saputo superare gli steccati ideologici per rivitalizzare un settore che meritava un rilancio. A loro, al Ministro Franceschini e alla DG Cinema va il più sentito grazie da parte dell'Associazione. Dopo il passaggio alla Camera dei Deputati, ci rimboccheremo di nuovo le maniche per collaborare nella stesura dei Decreti attuativi".

Ultima modifica ilGiovedì, 13 Ottobre 2016 15:18
Torna in alto

L'accesso a queste risorse è riservato agli Associati AGIS e alle associazioni a questa afferenti. Nel caso foste associati a una delle associazioni